Hall Of Fame

campionati
del mondo

classiche

grandi giri

olimpiadi

1972
Record dell’ora
Eddy Merckx

Il fuoriclasse belga conquista il primato dell’ora pedalando per 49,431 km su una bici in acciaio realizzata appositamente per lui da Colnago, frutto di 200 ore di lavoro e che pesa appena 5 kg e 750 grammi.

1981
Campionato del Mondo
Freddy Maertens

A Praga il grande velocista belga, su una Colnago Mexico, batte in volata negli ultimi metri Beppe Saronni.

1982
Campionato del Mondo
Giuseppe Saronni

Saronni, in sella a una Colnago Mexico, si riscatta dalla sconfitta dell’anno precedente e con un imperioso scatto nel finale stravince a Goodwood, in Inghilterra.

1984
Olimpiadi
Bartalini, Giovannetti, Poli e Vandelli

A Los Angeles il quartetto italiano su Colnago monoscocca in carbonio vince la medaglia d’oro nella 100 km su strada a cronometro, dominando la gara e realizzando il record su quella distanza.

1993
Campionato del Mondo
Brasi, Contri, Fina, Salvato

Il quartetto azzurro, su una Colnago realizzata per l’occasione in soli 6 esemplari con stampi differenti, vince a Oslo la prova a cronometro a squadre sulla distanza di 100 km, davanti ai favoritissimi tedeschi.

1993
Milano Sanremo
Maurizio Fondriest

Il ciclista trentino conquista questa grande classica su Colnago Carbitubo, staccando tutti sulla salita del Poggio.

1994
Vuelta a España
Tony Rominger

Lo svizzero conquista la maglia oro della corsa a tappe spagnola in sella a Colnago Carbitubo, bicicletta presentata in quell’occasione, e destinata a fare la storia del ciclismo.

1994
Record dell’ora
Tony Rominger

Sul velodromo di Bordeaux lo svizzero stabilisce un nuovo record con 55,291 km, battendo il suo stesso precedente di qualche giorno prima. Utilizza una Colnago Oval CX in acciaio, del peso di 6,5 kg, con forcella e tubi appiattiti per garantire maggiore penetrazione nell’aria.

1995
Parigi Roubaix
Franco Ballerini

Ballerini trionfa alla su una Colnago C40, prima volta per una bicicletta in carbonio in questa gara, poi vinta altre 4 volte nei 5 anni successivi.

1995
Campionato del Mondo
Abraham Olano

Lo spagnolo, su Colnago BiTitan vince a Duitama, in Colombia, uno dei campionati mondiali più duri di sempre, davanti a Miguel Indurain e Marco Pantani.

1996
Giro d’Italia
Pavel Tonkov

Per la tappa a cronometro di quell’edizione del Giro, Tonkov si presenta con la monoscocca in carbonio Colnago C42 con carena posteriore.

1996
Giro d’Italia
Pavel Tonkov

Il corridore russo vince la corsa rosa su Colnago C40. Negli anni successivi, sempre al Giro d’Italia, diventeranno celebri i suoi “duelli” con Marco Pantani.

1996
Parigi Roubaix
Johan Museeuw

Bissando il successo di Ballerini dell’anno precedente, Museeuw vince a Roubaix su Colnago C40, ma il trionfo è di tutta la squadra Mapei-Colnago, con secondo, terzo e quinto posto di Bortolami, Tafi e Ballerini.

1996
Campionato del Mondo
Johan Museeuw

Il campione belga vince di potenza sul circuito di Lugano staccando in una volata a due, su una Colnago C40, lo svizzero Gianetti.

1998
Parigi Roubaix
Franco Ballerini

Ballerini ripete il successo del 1995, sempre su Colnago C40, bicicletta conservata oggi nel museo Colnago, ancora incrostata con il fango originale della gara.

1998
Campionato del Mondo
Oscar Camenzind

Lo svizzero Camenzind in sella a una Colnago C40, sotto una pioggia battente vince per distacco a Valkenburg, in Olanda.

1999
Parigi Roubaix
Andrea Tafi

Il corridore italiano, su Colnago C40, vince per distacco la più dura delle classiche. Il podio, come nel 1996, è tutto di Colnago, con i belgi Peeters e Steels secondo e terzo.

2000
Parigi Roubaix
Johan Museeuw

Museeuw vince su Colnago C40 la quinta Roubaix in 6 anni targata Mapei-Colnago. Un risultato straordinario per una delle biciclette più vittoriose di sempre.

2001
Campionato del Mondo
Oscar Freire

A Lisbona il corridore spagnolo batte per un soffio Paolo Bettini in volata.

2001
Campionato del Mondo
Yaroslaw Popovych

Il giovane ucraino Popovych vince a Lisbona la gara in linea Under 23, staccando nel finale l’italiano Caruso.

2002
Liegi Bastogne – Liegi
Paolo Bettini

Il corridore toscano trionfa nella classica belga, staccando tutti grazie all’aiuto del compagno Stefano Garzelli, entrambi su Colnago C50.

2004
Milano Sanremo
Oscar Freire

Lo spagnolo vince in volata la Milano Sanremo, considerata il “Mondiale di primavera”, su Colnago C50 Extreme Power.

2004
Campionato del Mondo
Oscar Freire

Sul circuito di Verona, questa volta in sella a una Colnago C50 HP, Freire ripete il successo di 3 anni prima, battendo in una volata a 3 Zabel e Paolini.

2007
Tour de France
Michael Rasmussen

Il corridore danese, in sella a Extreme C, domina il Tour, ma viene squalificato a poche tappe dalla fine per aver mentito sul luogo dell’allenamento.

2007
Vuelta a España
Denis Menchov

Il russo conquista la classifica generale del Giro di Spagna su Colnago Extreme C.

2007
Paris Tours
Alessandro Petacchi

Il forte velocista italiano vince la prestigiosa corsa francese su Extreme Power, con uno sprint di grande potenza.

2008
Campionato del Mondo Ciclocross
Lars Boom

Il forte corridore olandese vince a Treviso in sella a Colnago C50 Cross nella categoria Elite.

2010
Tour de France
Antony Charteau

Il corridore francese conquista su Colnago C59 la maglia a pois come miglior scalatore di questa edizione del Tour.

2011
Tour de France
Thomas Voeckler

10 giorni in maglia gialla su Colnago C59 per il generoso corridore francese. Colnago realizza per l’occasione una bicicletta tutta gialla.

2013
Campionato del Mondo Ciclocross
Sven Nys

Il ciclista belga, su Colnago Prestige, vince a Louisville, negli USA, nella categoria Elite.

2015
Giro delle Fiandre
Elisa Longo Borghini

Prima italiana a vincere questa durissima classica, Longo Borghini ha staccato tutti a 30 km dal traguardo in sella alla monoscocca Colnago V1-R.