NEWS

Impariamo a riconoscere e gestire la forma con i numeri
5 maggio 2016 - Allenamento
Impariamo a riconoscere e gestire la forma con i numeri

Cos’è la forma? La forma è il giusto equilibrio tra forza e freschezza.

La performance si basa sullo stress o carico di allenamento.

Di seguito alcuni concetti didascalici:

  1. Forma = Fitness + freschezza
  2. Fitness. È il risultato dello stress da allenamento
  3. La freschezza è il risultato del riposo
  4. Pertanto, la forma deriva dalla combinazione di stress e riposo
  5. Forma. Può essere rinominato “Training stress balance (TSB)”.

Il TSB (Training stress balance) è il mezzo attraverso il quale è possibile gestire il proprio livello di forma tramite i numeri e tramite software specifici. Rappresentare al meglio l’equilibrio tra carico di allenamento e periodi di riposo.

Se si desidera raggiungere la forma, è necessario avere il giusto equilibrio tra i due. Il problema più grosso per gli sportivi in generale, infatti, è capire quanto l’allenamento sia sufficiente per raggiungere i propri obiettivi senza eccedere. Per rispondere a questa domanda a un ciclista servono un misuratore di potenza e un buon software di analisi. Con questi sistemi, infatti, è abbastanza facile determinare il carico di allenamento ottimale e personale, arrivando a definire matematicamente “quando abbastanza è abbastanza”.

Quindi, come si fa a conoscere il TSB esattamente? Alcuni software di analisi sportiva come Training peaks, WKO e Strava (versione Premium) offrono questo servizio che aiuta in modo semplice e immediato a verificare il proprio stato di forma.

In sintesi il TSB può essere rappresentato da un numero positivo o negativo.

Un numero positivo è segnale di freschezza. Nei giorni “positivi”, provare per credere, è molto più facile pedalare “bene”. Quando, invece, il TSB è un numero negativo è segnale di stanchezza, causata da un elevato carico di allenamento. Al ciclista, dunque, non resta che gestire i numeri a piacimento. Alternando periodi “positivi” ad altri “negativi”.

Perché con l’aiuto dei numeri si raggiungono gli obiettivi in modo razionale e si evitano inutili e dannosi problemi legati al sovrallenamento.