NEWS

Amarcord: quel Lombardia di Rominger del 1992
10 Ottobre 2019 - Life
Amarcord: quel Lombardia di Rominger del 1992

Partenza e arrivo a Monza, 241 chilometri piove a dirotto da metà gara fino al termine. Percorso classico che si snoda nell’alta Lombardia. “Una corsa durissima, nei chilometri finali siamo rimasti io e Chiappucci, lui non tirava e allora sul Lissolo l’ho attaccato e ho fatto gli ultimi 15 chilometri fino a Monza da solo. Pioveva molto, sembrava notte all’arrivo. Pioggia e freddo non mi hanno mai fatto paura. Ad un certo punto della corsa mi sono trovato insieme a Gianni Bugno (che vestiva la maglia iridata conquista a Benidorm pochi giorni prima) gli ho detto dai Gianni andiamo, lui ha esitato e io sono partito. Meglio così perché quando Bugno era in vena era molto difficile da battere.”. Quando può Rominger passa a salutare il suo mentore Ernesto Colnago, oggi (giovedì 10 ottobre) è stato così. Si tiene ancora in forma, pedala (poco) e si diverte in palestra, non male per un ex campione di 58 anni. Nell’immagine Tony Rominger ed Ernesto Colnago con la bici del record dell’Ora all’interno del museo di bici Colnago a Cambiago.

Colnago 2019 collection
Download the catalog