NEWS

Il triathlon è la mia vita
14 febbraio 2016 - Interviste
Il triathlon è la mia vita

Francisco Miranda, 57 anni, triatleta.
Ho portato a termine 15 Ironman; il primo è stato alle Hawaii, nel 1991, l’ultimo a Lake Placid, negli Stai Uniti, nel 2015 in cui ho conquistato il 5° posto di categoria. Il prossimo obiettivo è il Campionato Europeo Ironman che si svolgerà quest’anno a Francoforte, in Germania.

L’Ironman è la mia passione, un amore a prima vista sbocciato più di 25 ani fa. Il tempo passa, ma nonostante tutto, grazie alla costanza e all’impegno, ogni anno miglioro tempi e record personali. Il triathlon, inoltre, è una passione che ho trasmesso alla mia famiglia. Costanza e allenamento, nessun segreto. Anche i miei figli sono Ironman finisher.

L’anno scorso tre dei miei figli, Francisco, Claudia e Anita, hanno preso parte all’Ironman Panama City in Florida, portandolo a termine. Per quanto mi riguarda, l’ultima gara l’ho fatta il 10 gennaio 2016, l’Ironman 70.3 di Pucon, Cile, “la gara più bella del mondo” come amano dire i locali. Non solo per i bellissimi laghi che si possono ammirare nella zona, i vulcani e la natura incontaminata che ti circonda, ma anche perché questa gara rappresenta un vero e proprio test di resistenza per il corpo e la mente. La topografia, il vento, e le condizioni meteorologiche rendono questo evento molto impegnativo. Quest’anno, per me, è stato il migliore di sempre, perché sono riuscito a conquistare il primo posto di categoria (M55-59) grazie alla solida performance in sella alla mia Colnago K-Zero: 36 km/h a 245 watt medi, di gran lunga il miglior tempo in sella alla bicicletta nel mio gruppo di età, all’interno del 5% complessivo, addirittura migliore del tempo di alcuni maschi e femmine pro e di un sacco di persone molto più giovani di me. Una bellissima rivincita sull’anno passato, massacrato dalla sfortuna.

Sono caduto nella frazione di ciclismo con conseguenze gravi, sia a causa delle lesioni personali riportate, sia perché la bici subì danni importanti. In sintesi fui costretto a ritirarmi. Il mio pensiero immediatamente dopo l’incidente è stato di procurami una nuova bicicletta. Ho sempre sognato una bici Colnago, non solo perché le ritengo tecnologicamente superiori, ma anche per la tradizione e lo spirito che animano questo grande marchio del ciclismo. Una fonte di ispirazione continua per me. Ci hanno pensato i miei figli, regalandomi un fiammante Colnago K-Zero, esempio di ingegneria e arte!

Non potrò mai ringraziali a sufficienza, da quel momento in poi me ne sono innamorato! Non racconto storie, ma da quando ho iniziato a pedalarci seriamente le mie prestazioni sono migliorate sensibilmente, è un mezzo anche confortevole che si adatta incredibilmente bene ai diversi tipi di terreno e si guida molto bene, anche in discesa. Consiglio vivamente Colnago K-Zero ai triatleti e ai cronoman, su brevi e lunghe distanze.

È una bici incredibile, potrei tranquillamente dire che è un’estensione delle mie gambe! Infine devo ammettere che tutto quello che ho fatto è anche merito dell’amore della mia vita, mia moglie, che è stata mia compagna in ogni avventura. Sia nelle veste di triatleta sia come uomo d’affari. Abbiamo quattro figli splendidi, tutti triatleti e occupati, insomma siamo una famiglia unita e bellissima!

I miei allenamenti durante la settimana:

Colnago 2019 collection
Download the catalog
C64 GOld Private Collection C64 GOld Private Collection
C64 Gold Private Collection

Una special edition del modello di punta della gamma strada, un telaio unico al mondo fatto a mano in Italia in numero limitato e destinata ad un pubblico selezionato.