NEWS

Quella notte a Tokyo…
3 aprile 2018 - Storia
Colnago V2-R, il sogno si rinnova

Viaggiando per il mondo e dormendo poco, durante i trasferimenti in aereo Ernesto Colnago ha sempre avuto molto tempo per pensare a continue innovazioni da introdurre nei suoi telai.

Idee, appunti, disegni, che spesso sono stati poi effettivamente realizzati e applicati nel concreto, diventando icone distintive del marchio.
Come è successo con i tubi a sezione stellare, utilizzati per la prima volta sul telaio Master in acciaio nel 1983 e poi applicati ai telai in carbonio con la C40, una decina di anni più tardi.

Il disegno originale con l’idea “folle” di trasferire al carbonio questa particolare sezione, per conferire maggiore rigidità laterale al tubo, è datato infatti 1993.
Era notte e Colnago si trovava in una camera d’albergo a Tokyo, quando tracciò su carta gli schizzi a matita con cui modificare linee e angoli, adattando la sezione stellare a un materiale così diverso dall’acciaio come il carbonio.

Un’intuizione che, insieme a un anno speso a effettuare studi e ricerche in collaborazione con il Politecnico di Milano, ha permesso di realizzare tubi in carbonio resistenti in pratica come l’acciaio.

Dal 2014, con il telaio C60, anche le congiunzioni vengono realizzate con sezione “star” per adattarsi perfettamente al tubo e consentire maggior resistenza alla flesso-torsione, rispetto agli innesti a sezione tonda.

Inoltre, la sezione dei tubi varia a seconda delle sollecitazioni sopportate dalle differenti zone del telaio; Il tubo obliquo ad esempio ha forma leggermente conica, con una sezione maggiorata posteriormente e lateralmente per sopportare la forza alternata della pedalata.

L’innovazione non si ferma mai in casa Colnago.

Colnago 2019 collection
Download the catalog
C64 GOld Private Collection C64 GOld Private Collection
C64 Gold Private Collection

Una special edition del modello di punta della gamma strada, un telaio unico al mondo fatto a mano in Italia in numero limitato e destinata ad un pubblico selezionato.