NEWS

Tremola, il regno del pavé
28 novembre 2018 - Allenamento
Tremola, il regno del pavé

Si trova in Svizzera la piccola Roubaix delle Alpi, come l’ha definita qualcuno.
13 km di salita quasi interamente lastricati in pavé; 900 metri di dislivello e una suggestione d’altri tempi.
Si tratta dell’antica strada della Val Tremola; semplicemente “La Tremola” per gli appassionati.

Realizzata dagli elvetici all’inizio del 1800, dove prima esisteva solo una stretta mulattiera, è un capolavoro di ingegneria stradale che collega Airolo (Canton Ticino), al Passo del Gottardo.
Un incredibile serpente di porfido che si arrampica sinuoso in 24 tornanti, fino ai 2.091 metri dell’Ospizio del Gottardo.

Pedalare in montagna sul pavé in bicicletta da corsa è insolito e spiazzante, una sensazione strana per chi non è abituato, ma il fascino di questa salita sta proprio in quei cubetti che scorrono sotto le ruote, facendoci letteralmente “tremare” in sella.
Solo un piccolo disagio che non può certo mettere in ombra l’incanto di un’ascesa unica e spettacolare, che non deve mancare nel bagaglio di un cicloamatore.

La salita

Praticamente a uso e consumo esclusivo dei ciclisti, in quanto il traffico auto-motociclistico confluisce tutto sulla vicina superstrada, la vecchia strada della Val Tremola è in buona parte ancora rivestita dalla pavimentazione originaria, che nonostante tutto si presenta in ottime condizioni.

Si parte dal centro del paese di Airolo in direzione del Passo, ma attenzione a non farsi trarre in inganno dai cartelli che segnalano la superstrada. Nel caso meglio chiedere indicazioni, per non rischiare di trovarsi in difficoltà su un tratto chiuso alle biciclette.
Dopo due km si tiene la destra a un bivio e si imbocca la valle. Cominciano subito i primi tratti in pavé, ma è al km 5 che inizia il tratto più scenografico (e più duro), con il manto in pavé che diventa regolare e uniforme e la strada che si avvita verso l’alto in una serie di stretti e arditi tornanti.

La pendenza regolare, sempre intorno al 7%, “rende” e si guadagna dislivello velocemente, ma non manca qualche strappo più duro che arriva al 12%.
L’impegno richiesto è massimo fino al Passo, anche perché nell’ultimo chilometro una difficoltà aggiuntiva spesso arriva dal forte vento laterale.

Il ritorno può essere effettuato sul percorso di salita; chi non se la sente di affrontare il pavé in discesa ha come unica alternativa scendere dall’altro versante del Gottardo, per tornare ad Airolo valicando altri due Passi spettacolari – ma molto duri – come Furka e Nufenen: un anello in senso antiorario di circa 100 km e più di 3.000 m di dislivello.

 

“La Tremola” nel dettaglio

Partenza
1.159 m (Airolo)
Arrivo
2091 m (Passo del Gottardo)
Lunghezza
12,7 km
Dislivello
932 m
Pendenza media
7,4 %
Pendenza massima
12 %

Colnago 2019 collection
Download the catalog